Bullismo e Cyber-Bullismo

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi
Referente d'Istituto: Prof. Rossano Baronciani

 

Rispetta le differenze

Piano nazionale per l'educazione al rispetto

 

 
 
(Dal PTOF del triennio scolastico 2019-22)
 

Piano per la prevenzione del bullismo e cyberbullismo

Il Liceo Artistico “F. Mengaroni” di Pesaro è impegnato da anni sul fronte della  prevenzione del fenomeno del bullismo, del cyberbullismo e di ogni altra forma di violenza, pertanto ha messo in atto azioni e strategie per prevenire e contenere comportamenti a rischio.

La nostra scuola ha inoltre recepito quanto definito nella Legge n. 107 del 2015 che ha introdotto tra gli obiettivi formativi prioritari, lo  sviluppo  delle  competenze  digitali degli studenti, finalizzato anche ad un utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media.

Tutto ciò a partire dal fatto che “compito della Scuola è anche quello di favorire l’acquisizione delle competenze necessarie all’esercizio di una cittadinanza digitale consapevole”.

Una lettura attenta della normativa evidenzia che il MIUR è impegnato sul fronte della prevenzione del bullismo e ora ha da poco messo a punto nuovi ed efficaci strumenti di contrasto alla forma, ancora più subdola e pericolosa, del  cyberbullismo (legge 29 maggio, n° 71/2017).

Gli atti di bullismo e cyberbullismo sono l’espressione della scarsa tolleranza e della non accettazione dell’altra persona e le vittime sono sempre più spesso adolescenti su cui gravano stereotipi che scaturiscono da pregiudizi discriminatori fondati sulla non considerazione del valore della diversità (intesa come speciale unicità che caratterizza ogni singolo individuo).

Scuola, famiglia, territorio rivestono, pertanto, un ruolo determinante  nella diffusione di comportamenti e atteggiamenti mentali e culturali che considerino la diversità come ricchezza, nonché educhino al rispetto dell’altro. Da qui l’urgenza di responsabilizzare le alunne e gli alunni mettendo in atto interventi informativi, formativi e partecipativi all’interno dell’Istituzione scolastica, in alleanza con le famiglie e il territorio.

 

Occorre quindi:

 

  1. un'alfabetizzazione verso le tematiche legate alle competenze digitali, alla sicurezza online e ad un uso positivo delle tecnologie digitali;
  2. adeguate norme comportamentali e prassi virtuose per l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) in ambiente scolastico;
  3. misure per la prevenzione e gestione delle problematiche connesse ad un uso non consapevole delle tecnologie digitali.

 

Perché un piano di azione?

 

Il Liceo Artistico “F. Mengaroni” ha avvertito la necessità di elaborare un piano di azione che persegua le seguenti finalità:

 

  1. promuovere un ruolo attivo degli studenti;
  2. conoscere i linguaggi dei New Media, Social Network e Chat per una maggiore consapevolezza rispetto al loro utilizzo;
  3. conoscere gli effetti prodotti dalle nuove tecnologie della comunicazione sulle menti e sui comportamenti delle allieve e degli allievi;
  4. sviluppare le competenze digitali delle allieve e degli allievi;
  5. promuovere comportamenti di rispetto e convivenza sociale;
  6. sostenere le alunne e gli alunni verso un utilizzo consapevole e critico di internet attraverso un percorso di lavoro che li educhi sui pericoli e le insidie del mondo virtuale, ma che, nel contempo, fornisca loro elementi conoscitivi sulle enormi potenzialità che offre.

 

Oltre a programmare interventi specialistici dall’esterno, verranno anche coinvolte e valorizzate le risorse dell’intera comunità scolastica (insegnanti, alunni, genitori, altro personale), portando alla luce le azioni che quotidianamente vengono attivate in classe attraverso il dialogo costante, l’incontro con la studentessa e lo studente, il dibattito, l’attenzione speciale che ogni singolo docente presta alla classe.

 

L’ottica di governance includerà:

 

  • la formazione del personale;
  • l’individuazione e nomina di una figura referente per il bullismo e cyberbullismo che funga da interfaccia con le Forze di Polizia, con i servizi minorili dell’amministrazione della giustizia, le Associazioni e i centri di aggregazione nel territorio ecc.;
  • la promozione di un ruolo attivo degli studenti (anche con il coinvolgimento di ex studenti che hanno già operato all’interno dell’Istituto scolastico in attività  di peer education);
  • la previsione di misure di sostegno e di rieducazione dei minori coinvolti.

 

Si cercherà di integrare diversi livelli di intervento:

 

  1. Interventi nella comunità;
  2. Interventi nella scuola;
  3. Interventi in classe;
  4. Interventi individuali (ove necessario);
  5. Interventi delle forze dell’ordine;
  6. Interventi di esperti;
  7. Coinvolgimento delle famiglie;
  8. Coinvolgimento di ex studenti che hanno assunto un ruolo significativo nell’Istituto.

 

Normativa di riferimento

 

Documenti principali

 

Regolamenti 

 
 

Altri progetti

Moduli didattici verticali per la prevenzione del cyberbullismo - Progetto Erasmus APPs.

 

Manuali per docenti
Moduli didattici verticali per la prevenzione del cyberbullismo (ITA)

Handbook for teachers
Addressing teaching to Prevent Cyber-bullying Phenomenon at Schools (EN)

 
 
Immagine di homepage del sito istituzionale

Allegati

Contatti

Contatore visite